11

Archivio dei tag impianti geotermici

DiGeodavi

ASSISTENZA

HAI UN IMPIANTO IN POMPA DI CALORE E L’ASSISTENZA NON TI ASSISTE?

PER NOI NON C’E’ MARCA CHE TENGA!!!

Assistenza e manutenzione pompe di calore GEOTERMICHE ED ARIA ACQUA multimarca!!!

CONTATTACI SUBITO E RISOLVI IL TUO PROBLEMA

Geodavi Energie Rinnovabili è da sempre attenta a tutte le forme di energia alternativa ed eco sostenibile. I nostri tecnici specializzati saranno in grado di offrirti diversi servizi quali assistenza, riparazione e manutenzione delle pompe di calore.

Effettuare controlli periodici è fondamentale per garantire la massima efficienza del sistema e prevenire malfunzionamenti di qualsiasi natura. Scegli la tranquillità di impianto perfettamente funzionante e contatta la Geodavi Energie Rinnovabili per fissare un appuntamento per verificare il corretto funzionamento delle tua pompa di calore. Se desideri avere maggiori informazioni sui servizi svolti chiama il numero 0364 1916257.

 

RIVOLGITI ALLA GEODAVI E IN 24/48 ORE RISOLVIAMO IL TUO PROBLEMA

UN NOSTRO TECNICO SPECIALIZZATO E’ A TUA DISPOSIZIONE PER OGNI RICHIESTA.

CHIAMA IL NUMERO 03641916257 7 GIORNI SU 7

INTERVENIAMO SU OGNI MARCA DI POMPA DI CALORE QUALUNQUE SIA IL PROBLEMA.

NON RIMANERE AL FREDDO CHIAMACI SUBITO!!

 

DiGeodavi

AGEVOLAZIONI FISCALI PER IMPIANTI GEOTERMICI

Incentivi fiscali 2018 per la sostituzione di un vecchio impianto

Di seguito troverete tutte le informazioni utili sulla procedura da seguire per usufruire delle detrazioni fiscali e richiedere gli incentivi sulla sostituzione dei vecchi impianti.

Le novità di cui prendere nota sono:

  • Per la riqualificazione energetica delle singole abitazioni, la Finanziaria del 2007 è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018. La richiesta di detrazione fiscale riguarda, ad esempio, la sostituzione di una caldaia tradizionale con una caldaia a condensazione, l’installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria o per interventi di sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ed impianti geotermici a bassa entalpia.
  • La richiesta di detrazione fiscale può anche essere presentata se i lavori di riqualificazione sono realizzati sulle parti comuni degli edifici condominiali, o se riguarda tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio. Anche in questo caso le detrazioni sono state prorogate sino al 31 dicembre 2018.
  • La detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici è confermata nel 65% degli importi a carico del contribuente, (da ripartirsi sempre in dieci quote annuali di pari importo) per sostituzione con pompe di calore ad alta efficienza, pompe geotermiche e solare termico mentre per le caldaie a condensazione è prevista tale detrazione con generatori di classe “A” con abbinata termoregolazione evoluta. Tale detrazione viene ridotta al 50% per le sole caldaie a condensazione di classe “A”
  • Per coloro che scelgono di sostituire la vecchia caldaia o lo scaldabagno con una nuova caldaia o scaldabagno di tipo tradizionale, è prevista l’agevolazione fiscale del 50% ( interventi edilizi) fino al 31 Dicembre 2018 da ripartire in dieci quote annuali di pari importo.
  • Dal 31 Maggio 2016 è stato introdotto anche il nuovo Conto Termico.2.0.
    Si tratta di un incentivo statale per edifici esistenti, erogato in rate annuali per una durata variabile (fra due e cinque anni a seconda della tipologia di intervento realizzato) per coloro che scelgono di installare, in sostituzione del precedente impianto, una pompa di calore aria/acqua o geotermica o semplicemente un climatizzatore in pompa di calore ad alta efficienza.

Si segnala che, a differenza dell’agevolazione fiscale del 50% e 65%, che consiste in una detrazione fiscale, ossia un risparmio di imposta risultante dalla dichiarazione dei redditi, l’incentivo previsto dal Conto Energia Termico consiste in un contributo statale pari a circa 40% della spesa ammissibile sostenuta.

DiGeodavi

COME CONTATTARCI IN MODO SEMPLICE

NON CI LIMITIAMO A DARTI SOLO IL NOSTRO RECAPITO TELEFONICO……

SE AMI COMUNICARE IN ALTRO MODO, DI SEGUITO TI DICIAMO COME TROVARCI.

 

SE SEI UNA PERSONA TECNOLOGICA E VUOI RICEVERE INFORMAZIONI IN MOBILITA’, TI METTIAMO A DISPOSIZIONE IL NOSTRO NUMERO DI CELLULARE O UN CONTATTO WHATSAPP

 

3518874869

 

SE INVECE SEI A CASA O  IN UFFICIO E VUOI AVERE IL PRIMO CONTATTO SOLO PER RICEVERE INFORMAZIONI DI BASE TI METTIAMO A DISPOSIZIONE LA NOSTRA MAIL

info@geodavi.it

 

CI SONO PERSONE CHE AMANO DECIDERE SOLO DOPO ESSERSI  INCONTRATE A 4 OCCHI!. QUANDO QUESTO NON E’ POSSIBILE, LA TECNOLOGIA CI VIENE INCONTRO, PERMETTENDOCI DI PARLARCI E VEDERCI TRAMITE SKYPE.

TI LASCIO IL MIO RECAPITO 

daviworld59

NELL’ERA MODERNA DOVE I SOCIAL SONO DI USO COMUNE GEODAVI HA CREATO LA PROPRIA PAGINA FACEBOOK DOVE CON REGOLARITA’ PUBBLICA INFORMAZIONI E NOVITA’.

ANCHE DA QUELLA PAGINA PUOI COMUNICARE IN CHAT CON GEODAVI.

IL LINK E’ IL SEGUENTE

 https://www.facebook.com/geodavi.rinnovabili/

 

 

GEODAVI ENERGY SOLUTION

Sede Legale: Via Odecla – Malonno (BS)

DiGeodavi

CHE COSA E’ LA GEOTERMIA E COME FUNZIONA

  Geotermia

  L’impianto geotermico a bassa temperatura

Come funziona, quando conviene e quanto dura un impianto geotermico

Scegliere un impianto geotermico significa assicurarsi un ambiente domestico confortevole, piacevolmente caldo d’inverno e fresco d’estate, utilizzando una tecnologia rispettosa dell’ambiente e vantaggiosa dal punto di vista economico.

I sistemi geotermici a bassa temperatura sono diffusi, in ambito residenziale, soprattutto nel Nord Europa e negli Stati Uniti, mentre in Italia sono ancora poco conosciuti.

In anni recenti anche nel nostro paese c’è stata una decisa accelerazione: in particolare,  l’introduzione di incentivi mirati – come le detrazioni del 55% – ha favorito la realizzazione di numerosi nuovi impianti geotermici con pompa di calore. Attenzione: il Dl 4 giugno 2013 n. 63 (in vigore dal 6 giugno) ha aumentato la quota detraibile dal 55% al 65%, prorogando contemporaneamente la misura al 31 dicembre 2013. La Legge di stabilità 2014 ha prorogato la detrazione del 65% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2014; successivamente, la Legge di stabilità 2015 ha disposto un’ulteriore proroga al 31 dicembre 2015. Infine, la Legge di stabilità 2016 ha prorogato di un ulteriore anno la scadenza del 65%, al 31 dicembre 2016. Inoltre, non va dimenticato che in alternativa alle detrazioni fiscali, gli impianti geotermici e le pompe di calore possono accedere al Nuovo Conto termico.

>> Per approfondimenti, si vedano le voci “Detrazioni fiscali 65% (ex 55%)” 

La possibilità di produrre, oltre che acqua calda per il riscaldamento invernale e per gli usi sanitari, anche acqua fredda per raffrescare durante l’estate, rende gli impianti geotermici l’alternativa ideale ai tradizionali impianti. Il grande vantaggio deriva dal fatto che un sistema geotermico racchiude in unico impianto le stesse funzioni normalmente demandate a due diversi apparecchi, cioè caldaie e condizionatori.

Un impianto geotermico, se opportunamente dimensionato, è in grado di riscaldare e raffrescare un edificio senza l’ausilio di altri apparecchi. In questo caso si parla di impianto geotermico “monovalente”. In ogni caso si tratta di impianti che si prestano bene all’integrazione con altri generatori di calore ad alta efficienza. Molto interessante, ad esempio, risulta l’abbinamento con impianti solari termici oppure con caldaie a condensazione, in regime “bivalente”.

I componenti dell’impianto

I 3 elementi fondamentali di un impianto geotermico sono:

1. Un sistema di captazione del calore

Di norma si tratta di tubature in polietilene che fungono da scambiatori di calore, sfruttando l’energia termica presente nel sottosuolo o nell’acqua. Le tubature possono essere interrate verticalmente nel terreno a grandi profondità (sonde geotermiche verticali), oppure orizzontalmente a 1-2 metri di profondità (sonde o collettori orizzontali). Anche l’utilizzo dell’acqua, come sorgente di calore in alternativa al terreno, comporta l’utilizzo di sonde verticali.

E’ proprio la scelta del sistema di captazione, a seconda anche dalle caratteristiche geologiche e climatiche del luogo scelto per l’installazione, a caratterizzare le diverse opzioni impiantistiche dei sistemi geotermici.

2. La pompa di calore geotermica

Installata all’interno degli edifici, la pompa di calore geotermica è il cuore dell’impianto. Consente infatti di trasferire calore dal terreno o dall’acqua all’ambiente interno –in fase di riscaldamento- e di invertire il ciclo nella fase di raffrescamento.

3. Un sistema di accumulo e distribuzione del calore

Gli impianti geotermici sono particolarmente adatti per lavorare con terminali di riscaldamento/raffrescamento funzionanti a basse temperature (30-50°C), come ad esempio i pannelli radianti e i ventilcovettori (vedi “Terminali per il riscaldamento” e “Terminali per il raffrescamento” nel menu di destra).

I pannelli radianti rappresentano la migliore soluzione impiantistica: in inverno fanno circolare acqua calda a 30-35 °C e in estate acqua fredda a 18-20 °C, riscaldando e raffrescando con il massimo grado di comfort e risparmio energetico. I tradizionali radiatori, pur essendo in qualche caso utilizzabili per lavorare con una pompa di calore, risultano però assolutamente inadatti per raffrescare gli ambienti.

La presenza di un serbatoio di accumulo per l’acqua calda risulta indispensabile per immagazzinare il calore e quindi distribuirlo all’edificio –per il riscaldamento e per gli usi sanitari- quando vi è richiesta. L’integrazione tra geotermia e impianti solari termici o caldaie a condensazione avviene proprio grazie al serbatoio d’accumulo, all’interno del quale l’acqua viene riscaldata tramite serpentine collegate ai diversi generatori di calore.

Quale terreno?

In linea generale, la risorsa geotermica è disponibile su tutto il territorio italiano. In ogni caso è importante conoscere le caratteristiche del sottosuolo che si intende utilizzare come fonte di calore. Particolari tipi di terreno, oppure la presenza o meno di acque sotterranee o di vincoli idrogeologici, determinano la fattibilità tecnica di un impianto geotermico.

Soltanto operatori specializzati possono darci consigli e informazioni riguardo ad un sito specifico scelto per l’installazione, ricorrendo eventualmente a indagini geologiche che valutino con esattezza la qualità della risorsa geotermica.

Edifici nuovi o esistenti?

La geotermia è certamente consigliata per tutti gli edifici di nuova costruzione, per i quali è possibile progettare ex novo l’intero impianto in maniera ottimale.

Per gli edifici esistenti, la convenienza e la fattibilità di un impianto geotermico sono da analizzare caso per caso. Occorre anche valutare la disponibilità di spazio sufficiente per l’allestimento del cantiere e per la posa delle sonde. E’ comunque consigliato installare l’impianto in fase di ristrutturazione dell’edificio e dell’impianto termico, approfittando così dei lavori in corso per riqualificare complessivamente l’intero edificio dal punto di vista energetico.

L’installazione di un impianto geotermico è una scelta vantaggiosa anche per tutti gli edifici esistenti che utilizzano caldaie alimentate a combustibili fossili costosi e inquinanti, come gasolio o GPL. Nel caso in cui si possieda una caldaia a metano, bisogna invece valutare attentamente i costi e i benefici derivanti da una sua sostituzione.

Un altro aspetto fondamentale riguarda la qualità dell’isolamento termico dell’ edificio. Un edificio ben coibentato è un presupposto indispensabile per un corretto dimensionamento dell’impianto geotermico, che assicuri buoni livelli di comfort e di risparmio energetico. La necessità di migliorare il grado di isolamento degli edifici riguarda soprattutto il parco edilizio esistente, mentre gli edifici di nuova o recente costruzione, che devono sottostare a stringenti criteri legislativi, risultano di norma ben coibentati.

Quanto dura l’impianto?

Una stima della vita media di un impianto geotermico può essere fatta più su alcuni singoli componenti che sull’intero impianto.

Le pompe di calore geotermiche hanno una vita utile di almeno 15-20 anni (per le taglie domestiche la durata è inferiore), mentre le sonde geotermiche possono funzionare senza problemi per molte decine d’anni (secondo alcune fonti fino a 80-100 anni).

I pannelli radianti hanno un vita stimata in circa 20-30 anni.

Per tutti gli anni di funzionamento dell’impianto, non vi è pressochè alcuna necessità di manutenzione.

Tutti i vantaggi di un impianto geotermico

• si tratta di energia termica gratuita (eccettuato il consumo elettrico della pompa di calore) e indipendente dalle temperature esterne, che assicura un funzionamento dell’impianto per 365 giorni l’anno

• i costi di esercizio sono inferiori di circa il 60% rispetto a un sistema di riscaldamento con caldaia a metano

• un unico sistema permette sia di riscaldare che di raffrescare l’edificio, eliminando i costi elevati per il condizionamento estivo

• contribuisce alla riduzione delle emissioni di inquinanti e di CO2 in atmosfera

• non inquina i terreni, poiché all’interno delle sonde geotermiche circolano liquidi frigoriferi antigelo completamente atossici

• la pompa di calore geotermica è una macchina estremamente silenziosa, alla pari ad esempio di un frigorifero

• l’assenza di processi di combustione

DiGeodavi

PERCHE’ INSTALLARE UNA POMPA DI CALORE ARIA ACQUA CONVIENE

INSTALLIAMO DALLA POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA     

ALLA PIU’ PERFORMANTE GEOTERMICA

SERVIZIO MULTIMARCA

TU CHIEDI > NOI CONSIGLIAMO > NOI INSTALLIAMO

IMPIANTI PERSONALIZZATI PROGETTATI SULLA TUA ABITAZIONE PER DARTI IL MIGLIOR CONFORT POSSIBILE

 

Di seguito ti elenco i 7 principali motivi per cui vale la pena sceglierla come generatore di calore.

 

1) RISPARMI SU METANO, GPL E GASOLIO

Utilizzare una pompa di calore comporta, ovviamente un consumo di energia elettrica. La spesa per questo consumo è all’incirca il 30% in meno rispetto al consumo di metano per una caldaia tradizionale.

Confrontandola, invece con una caldaia a gpl o gasolio, si avrà un risparmio medio del 50-60%.

Ovviamente parlo di media, ci sono molti fattori che influenzano i consumi, ma a parità di condizioni, le cifre sono sempre abbastanza vicine a queste che ho indicato.

 

2) PUOI PRODURRE L’ENERGIA NECESSARIA ALLA PDC CON UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

La pompa di calore aria acqua funziona ad energia elettrica. Come saprai bene, puoi produrre l’energia elettrica gratuitamente con un impianto fotovoltaico. Avrai un investimento maggiore, è vero, ma se la tua intenzione è quella di stare almeno una decina di anni nella stessa casa, e hai un tetto mediamente spazioso, è assolutamente una soluzione da valutare. La riduzione dei costi per il riscaldamento va dall’80% in caso di sostituzione della caldaia a metano fino al 90% se sostituisci un generatore a gpl o gasolio.

Non sono numeri di fantascienza, considera che, solo l’impianto fotovoltaico, se dimensionato correttamente, genera più dell’80% dell’energia necessaria al funzionamento della pompa di calore. Non a caso il sistema “pompa di calore-fotovoltaico” è la principale soluzione per avvicinarsi all’indipendenza energetica.

 

3) HA UN RENDIMENTO DEL 300%

Ma perché la pompa di calore consuma meno? Il funzionamento della pompa di calore aria acqua è tecnicamente abbastanza complesso, ma quel che voglio spiegarti è il concetto.

Si basa sullo scambio termico tra l’ambiente esterno (aria) e il circuito di riscaldamento (acqua). Il calore non viene “generato” dalla macchina, ma viene solamente “trasferito” dall’ambiente esterno (anche con temperature molto fredde) all’acqua del nostro sistema, e questo scambio avviene con pochissima energia.

Difatti, con 1kWh di energia elettrica si “trasferiscono” circa 3kWh di energia termica al circuito di riscaldamento. Si può dire, volgarmente, che la pompa di calore ha un rendimento medio di circa il 300% (la caldaia a metano ha un rendimento medio del 95%). Ecco perché consuma meno!

 

4) E’ UN IMPIANTO AD ENERGIA RINNOVABILE

Di fatto, la pompa di calore aria acqua trasferisce il calore “già esistente” nell’aria esterna. Questo significa che la fonte di energia utilizzata è principalmente rinnovabile.

 

5) RIDUCI LE EMISSIONI DI CO2

Utilizzando in parte energia elettrica ed in parte energia gratuita dall’ambiente esterno, non espellerai gas di scarico e ridurrai all’osso le emissioni di CO2 nell’ambiente.

 

6) BENEFICI DELLA TARIFFA AGEVOLATA D1 o la prossima TD

Utilizzando una pompa di calore elettrica come unico generatore, puoi beneficiare della tariffa agevolata D1, che varia, mediamente, tra 0,21 e 0,23 €/kWh

 

7) DETRAZIONE FISCALE

Puoi detrarre al 65% il costo sostenuto per l’acquisto e l’installazione della pompa di calore.

Vuoi sapere quanto consumerebbe una pompa di calore aria acqua per la tua casa? Contattami o compila l’autoanalisi!

 

CONTATTACI ADESSO COMPILANDO IL FORM

 

OPPURE CONTATTACI AI NUMERI QUI SOTTO RIPORTATI

3518874869

info@geodavi.it

daviworld59

 https://www.facebook.com/geodavi.rinnovabili/

DiGeodavi

PERCHE’ CONVIENE LA GEOTERMIA

Una valutazione economica di un impianto geotermico, in termini di costi e benefici, non può essere realizzata “in astratto”, poiché è necessario tener conto di diverse variabili, tra cui:

• il fabbisogno di energia termica dell’edificio

• l’utilizzo monovalente (solo pompa di calore) oppure bivalente (pompa di calore + altro generatore)

• il tipo di terreno a disposizione e l’opzione impiantistica scelta

• il costo per l’eventuale sostituzione dei radiatori con un impianto di riscaldamento a bassa temperatura ( oggi è possibile anche con i radiatori )

• il grado di isolamento termico dell’edificio

Un esempio concreto

Prendiamo a titolo esemplificativo un’abitazione monofamiliare di 150 m² da ristrutturare, con un discreto livello di isolamento (classe C), ancora priva di impianto termico, ma già provvista di un impianto di distribuzione del calore a pannelli radianti.

Per soddisfare interamente il fabbisogno di riscaldamento e raffrescamento, la scelta dei proprietari cade su un impianto con sondegeotermiche verticali e pompa di calore geotermica con potenza elettrica di 9 kW. La profondità della perforazione è di circa 150 metri. E’ previsto inoltre un serbatoio di accumulo per l’acqua calda ed eventualmente per l’acqua refrigerata.

Costi di investimento per l’impianto geotermico

Perforazione, installazione e acquisto sonde verticali       11.000 €

Pompa di calore geotermica con potenza elettrica 9 kW    6.500 €

Acquisto e installazione serbatoi d’accumulo e messa      3.500 €
a punto dell’impianto

Totale 20.000 €

Confronto bollette annuali

Riscaldamento e raffrescamento geotermico           1.000 €/anno

Riscaldamento a metano e condizionatore elettrico  2.000 €/anno

Abbiamo confrontato i costi di esercizio annui (le bollette) dell’impianto geotermico, con quelli relativi alla soluzione impiantistica più diffusa nel nostro paese: un tradizionale sistema di riscaldamento con caldaia a metano e un condizionatore elettrico per il raffrescamento.

Rispetto a questa soluzione, il risparmio annuo in bolletta è di circa il 50%, che sale fino al 70-80% se confrontato con impianti di riscaldamento più energivori come caldaie a gasolio e GPL.

Tempo di ritorno dell’investimento

Calcolare il tempo di ritorno –o di ammortamento- è il metodo più semplice per valutare la convenienza economica di un investimento in fonti rinnovabili. Si tratta di un calcolo che consente di stimare in quanti anni possiamo recuperare i soldi spesi per l’acquisto dell’impianto, grazie ai risparmi in fase di esercizio assicurati dal mancato acquisto di combustibile.

Per calcolare il tempo di ritorno dell’impianto geotermico ipotizzato, ci occorrono due dati:

• il risparmio annuo in bolletta

• il costo dell’impianto geotermico -o meglio il suo extra-costo- rispetto ad un impianto convenzionale (in questo caso caldaia a metano + condizionatore elettrico).

Il rapporto tra l’extra costo dell’impianto e il risparmio annuale ci può dare un’idea indicativa del tempo di ritorno.

Investimento complessivo impianto geotermico      20.000 €

Investimento complessivo impianto convenzionale  10.000 €

Extra costo geotermico                                         10.000 €

Risparmio annuo in bolletta                                     1.000 €

Tempo di ritorno                       10.000 / 1.000 = 10 anni con soli consumi più il 65% di detrazioni fiscali che ammontano a 13.000 euro.

Quindi 1.000€ + 1.300 €=2.300€ 

Tempo di ritorno                               10.000 / 2.300 = 4 anni circa

Bisogna anche ricordare che la vita media di un impianto geotermico è superiore rispetto a una caldaia a metano e a un condizionatore elettrico. La pompa di calore ha una vita media di circa 15-20 anni (leggermente inferiore per le taglie domestiche), i pannelli radianti di circa 20-30 anni, mentre le sonde geotermiche possono funzionare senza problemi anche per molti decenni. A questo bisogna aggiungere che gli impianti geotermici non necessitano di alcuna manutenzione.

DiGeodavi

IMPIANTI GEOTERMICI: FALSO DIRE CHE COSTANO MOLTO; GLI IMPIANTI GEODAVI SONO ALLA PORTATA DI TUTTI

Nel nostro sito potrete trovare informazioni sulla nostra azienda che opera in tutta Italia e all’estero. Informazioni che riguardano le nostre attività, approfondire meglio cosa facciamo e soprattutto cosa possiamo fare per voi.

Questo sito vi consentirà di conoscerci meglio e di entrare in qualsiasi momento in contatto con noi per ricevere maggiori informazioni.

Se siete interessati ad un preventivo contattateci dal link contatti.

 

PERCHE’ DIRE   AD UN IMPIANTO GEOTERMICO

 

 

Scegliere un impianto geotermico significa assicurarsi un ambiente domestico confortevole, piacevolmente caldo d’inverno e fresco d’estate, utilizzando una tecnologia rispettosa dell’ambiente e vantaggiosa dal punto di vista economico.

I sistemi geotermici a bassa temperatura sono diffusi, in ambito residenziale, soprattutto nel Nord Europa e negli Stati Uniti, mentre in Italia sono ancora poco conosciuti.

Ma grazie alla Geodavi anche in Italia questi sistemi si stanno diffondendo in modo esponenziale sia a livello Residenziale che Industriale.

La possibilità di produrre, oltre che acqua calda per il riscaldamento invernale e per gli usi sanitari, anche acqua fredda per raffrescare durante l’estate, rende gli impianti geotermici l’alternativa ideale ai tradizionali impianti. Il grande vantaggio deriva dal fatto che un sistema geotermico racchiude in unico impianto le stesse funzioni normalmente demandate a due diversi apparecchi, cioè caldaie e condizionatori.

Un impianto geotermico, se opportunamente dimensionato, è in grado di riscaldare e raffrescare un edificio senza l’ausilio di altri apparecchi. In questo caso si parla di impianto geotermico “monovalente”. In ogni caso si tratta di impianti che si prestano bene all’integrazione con altri generatori di calore ad alta efficienza. Molto interessante, ad esempio, risulta l’abbinamento con impianti solari termici oppure con caldaie a condensazione, in regime “bivalente”.

Le pompe di calore che utilizza Geodavi sono di nostra produzione per cui vantaggio di assistenza immediata e ricambi in 24 ore.

 

Per saperne di più consigliamo di mettervi immediatamente in contatto diretto con il nostro staff.

Saremo lieti di fornirvi tutte le indicazioni del caso.

Tra i vari servizi messi a disposizione della clientela ricordiamo che si tratta sempre di prestazioni professionali, proposte al pubblico da veri e propri esperti del settore, in grado di soddisfare a pieno qualsiasi genere di esigenza, dalle più alle meno semplici.

Se desideri ricevere maggiori dettagli, chiarimenti o semplici delucidazioni del caso il nostro staff sarà a tua disposizione, chiamarci direttamente al numero 3293984975, qui troverai in tutti i casi quelle risposte che cercavi.

 

DiGeodavi

RICHIEDI IL NOSTRO E-BOOKS

LASCIA LA TUA MAIL PER RICEVERE
GRATUITAMENTE IL MANUALE “GEOTERMIA L’ENERGIA DELLA NOSTRA TERRA”

Ti spieghiamo in modo semplice e intuitivo come riscaldare, climatizzare e produrre acqua calda utilizzando la geotermia

COMPILA IL FORM CONTATTI

DiGeodavi

ESPERIENZA E DISPONIBILITA’

LA TECNOLOGIA PIU’ ADATTA AD ACCONTENTARE LE TUE ESIGENZE DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO

NON SONO I SISTEMI DI GENERAZIONE CALDO ( LA CALDAIA  A GAS, LA STUFA A  PELLET,LEGNA….),O FREDDO ( SPLIT, POMPA DI CALORE…) CHE FANNO LA DIFFERENZA

MA L’ESPERIENZA CON LA QUALE VIENE REALIZZATO L’INTERO IMPIANTO

L’APPLICAZIONE PROFESSIONALE CHE NOI POSSIAMO DARTI E’ LA COSA PIU’ IMPORTANTE, INDIPENDENTEMENTE DA COSA INTENDI MONTARE NELLA TUA ABITAZIONE

 

NON ATTENDERE CONTATTACI

3518874869

info@geodavi.i

daviworld59

https://www.facebook.com/geodavi.rinnovabili/

DiGeodavi

E’ PIU’ FACILE DI QUANTO CREDI

ED E’ PIU’ FACILE DI QUANTO CREDI!!!

LA SOLUZIONE E’ MOLTO SEMPLICE NON FERMARTI ALLA PRIMA DIFFICOLTA’

 

NON PERDERE TEMPO!!!

 

QUAL’E’ LA TUA SITUAZIONE ATTUALE

COMINCIA A PORTI QUESTE 5 DOMANDE

 

1) COME RISCALDI LA TUA CASA IN QUESTO MOMENTO?

2) VORRESTI ANCHE RAFFRESCARLA NEL PERIODO ESTIVO? 

3) QUANTO SPENDI OGGI DI GAS,GASOLIO O GPL?             

4) QUANTO SPENDI DI CORRENTE ELETTRICA?

5) QUALE TIPO DI CONFORT VORRESTI DAL TUO NUOVO IMPIANTO?

 

SE HAI GIA’ LE RISPOSTE CONTATTARCI AI NUMERI QUI SOTTO RIPORTATI

OPPURE

COMPILA IL FORM E CHIEDI DI ESSERE RICONTATTATO

SCOPRIRAI CHE NOI ABBIAMO LA SOLUZIONE GIUSTA PER TE E CLIMATIZZARE LA TUA CASA SARA’ UN GIOCO DA RAGAZZI

 

NELLE PROSSIME PAGINE TI SPIEGO ALCUNI METODI MOLTO SEMPLICI CHE TI FARANNO RISPARMIARE

ALMENO IL 40%  SULLA TUA BOLLETTA ENERGETICA

 

NON FERMARTI ADESSO  CONTATTACI

 

 

3518874869

info@geodavi.it

daviworld59

https://www.facebook.com/geodavi.rinnovabili/